versione accessibilevai al contenuto
Bazar del Bizzarro
in bizzarro veritas
www.bazardelbizzarro.net

Sostieni il bizzarro

Un sito come il “Bazar del Bizzarro” lo si può fare solo per passione. E così è.
Credo fermamente nel fatto che la conoscenza e l'informazione debbano essere libere. Se così non fosse, se ognuno si tenesse tutto per sé o pretendesse diritti su ogni parola che esce dalla sua bocca, dalla sua penna o dalla sua tastiera, la cultura come la conosciamo oggi non potrebbe esistere. Anche la realizzazione di questo sito è stata resa possibile da questi ideali di apertura e di condivisione: le fonti consultate sul web sono per lo più gratuite, oppure, come nel caso della carta stampata, sono reperibili a un prezzo spesso ridicolo rispetto al valore della conoscenza che veicolano.

Qualunque materiale presente in questo sito è da intendersi per uso libero, così come è libera la diffusione tramite stampa, Internet o quant'altro. Le immagini sono per lo più reperite dalla Rete, mentre i testi sono tutti opera del sottoscritto. È gradita la citazione o il linkaggio, soprattutto se le parti utilizzate sono considerevoli. Fatemi sapere tramite mail se nel mio Bazar avete trovato qualcosa che vi è stato utile, sarà per me un grande onore, così come sarà fonte di gioia sapere che il mio lavoro viene apprezzato.

Se desideraste fare un uso commerciale di quanto si può reperire nel “Bazar del Bizzarro” siete liberi, purché mi contattiate prima e mi parliate dei vostri progetti. Fate in coscienza vostra.

L'informazione – testi, immagini, video – in sé non costa nulla: in fondo sono solo bit. Anche i pensieri e le idee sono gratis: sono solo correnti elettriche e mutamenti biochimici nei nostri neuroni.

Quello che “costa” è il contorno, il tempo e il lavoro impiegato per estrarre, ricercare, elaborare, raffinare, distillare, correggere, confrontare, ampliare (eccetera eccetera) queste informazioni. Quello che costa sono le decine di manuali informatici, i software, i libri di testo, le notti insonni e le centinaia di tavolette di cioccolata divorate per il nervosismo prima di riuscire (dopo tre anni) a realizzare una versione decente e funzionante di questo sito.

E per quanto siamo nell'epoca del “virtuale” non bisogna dimenticare che per essere fruibili le informazioni richiedono a tutt'oggi supporti fisici ed energia elettrica per viaggiare sulla Rete e per finire sui vostri hard disk.

Considerando tutto questo, ho deciso di inserire un pulsante che permette una donazione libera tramite PayPal. Ognuno si comporti come desidera e come può.

Un sentito ringraziamento.

Professor Bizzarro

altri articoli:

Bazar del Bizzarro